‘Dica 33!’La salute delle imprese

Il terziario è l’unico comparto economico che si mantiene in crescita demografica in Toscana, attenuando le perdite degli altri. Sebbene il saldo generale fra imprese nuove e cessate nel 2018 sia stato negativo (-661, 23.681 nuove contro 24.342 cessate), quelle di commercio, turismo e servizi sono aumentate di 1.929 unità.

Dal punto di vista occupazionale, 4 imprese su 5 sostengono che nel primo semestre 2019 la situazione sia migliorata. L’indagine di Format Research presentata nei giorni scorsi da Confcommercio Toscana, evidenzia che meno di un’impresa su cinque (19%) ha fatto domanda di credito, nel 48% dei casi per esigenze di liquidità e di cassa: due su tre si sono viste accettare la richiesta, ma le condizioni sembrano irrigidirsi rispetto al passato.

Se l’indice di fiducia nell’andamento della propria impresa è di 41,9 (40 per il prossimo semestre), l’indice relativo all’economia italiana è pari a 30,2 (28,9 per il prossimo semestre). Un terzo delle imprese del terziario della Toscana segnala già un peggioramento del livello dei ricavi nel corso dei primi sei mesi del 2019.

Secondo i dati Istat a livello nazionale sono in ripresa ordini e fatturato industriali a maggio 2019. Gli ordini hanno segnato un netto recupero, con un aumento su base mensile del 2,5% e dello 0,2% su base trimestrale. Il fatturato torna a crescere su base mensile, recuperando ampiamente il calo registrato il mese precedente.