Cercasi lavoratori: 1 su tre difficile da trovare

Rispetto ad un anno fa nel trimestre appena iniziato le aziende toscane assumeranno un po’ di più anche se una figura professionale su tre sarà difficile da reperire sul mercato del lavoro regionale.

Il dato previsionale emerge nel rapporto Excelsior di Unioncamere per agosto 2019. Le entrate programmate nel mese in corso da parte delle imprese dell’industria e dei servizi, raggiungendo quota 12.520, crescono infatti dell’1,2% rispetto ad agosto 2018, mentre nel periodo agosto-ottobre le assunzioni previste sono 64.170 (+2,7%).

Rimane però aperta la questione della facilità di reperimento delle figure richieste: il 32,3%, per quanto riguarda il mese in corso, viene considerato difficile da trovare, e la quota sale al 32,9% nel trimestre appena iniziato. Dati superiori ai valori medi nazionali (rispettivamente 29,7% e 29,2%), e che confermano un trend negativo da questo punto di vista, se si considera che nel 2017 le figure di difficile reperibilità in Toscana erano un quarto del totale.

Nel nostro paese il quadro sulle professioni mostra che le aziende hanno particolari difficoltà a trovare figure tecnico-informatiche (oltre il 50% dei contratti possiede tale caratteristica), artigiani e operai della filiera alimentare (51% di figure di difficile reperimento) e operatori del settore wellness (52%). Contemporaneamente è in crescita l’offerta rivolta ai giovani: su 250mila contratti da attivare in agosto, infatti, circa un terzo è rivolto agli under 30, ricercati principalmente nel settore terziario e in particolare nella filiera turistica (42% delle entrate previste).